La Storia

1619 La storia del Relais San Maurizio ebbe inizio quando un gruppo di monaci cistercensi costruì un monastero sui resti di un' antica cappella edificata su una collina che dominava le Langhe. Quel territorio abbandonato, dove la natura regnava sovrana, diventò quindi un luogo di lavoro e di preghiera, un luogo in cui le giornate erano scandite dal rintocco delle campane. Il lavoro incessante e prezioso dei monaci rese la collina di San Maurizio un luogo particolarmente fertile per le colture più svariate, dalla vite ai cereali antichi, dalle erbe officinali alle spezie.

1862 Nel 1862, il monastero venne acquistato dai conti Incisa – famiglia nobiliare delle valli circostanti – e trasformato in dimora privata. Iniziò quindi una nuova fase per il monastero, in cui l’antico chiostro venne trasformato in un giardino all’italiana e l’austerità lasciò il passo a dipinti e colori vivaci.

San Maurizio diventò per la prima volta una dimora, un’oasi di riservatezza.

2002 Dopo quattro anni di rigoroso restauro conservativo che ha preservato e riportato alla luce l’antico patrimonio architettonico del monastero, ha preso vita il Relais San Maurizio. Nel 2002 l’antico monastero e la dimora nobiliare sono diventate un’unica anima fregiandosi delle cinque stelle dell’ospitalità.

San Maurizio apre così le sue porte al mondo dopo quattro secoli di storia, diventando ben presto punto di riferimento per l’ospitalità più raffinata, e la sperimentazione culinaria, rimanendo al tempo stesso custode di tradizioni secolari. Si inaugura l’epoca del bel vivere. 

Nasce così il primo Relais&Châteaux del Piemonte, un luogo magico dove arte dell’accoglienza, eccellenza enogastronomica e ricerca del benessere si uniscono in un connubio indissolubile. 

I secoli hanno conservato intatto il sapiente lavoro dei primi abitanti della collina; ancora oggi tutto è rigoglioso e rappresenta il nostro orgoglio, un piccolo tesoro di cui siamo custodi e di cui voi siete destinatari privilegiati.